avvocatofrancescacardini.blog

avvocatofrancescacardini.blog

"Info sul blog"

Riflessioni, osservazioni serie e semiserie sul mondo del diritto (e non solo) in astratto, in concreto e sulla sua interpretazione ed applicazione agli eventi ed accadimenti della vita quotidiana.

consigli essenziali per chi deve acquistare un appartamento in condominio

HomePosted by Francesca Cardini 27 May, 2015 10:10:54
Al di là degli accertamenti tecnici necessari affidati ai professionisti in sede di compravendita immobiliare (geometra e notaio in primis), è necessario a mio avviso conoscere come potersi tutelare da eventuali richieste di pagamento non preventivate che, a conti fatti, comporterebbero il pagamento di un prezzo certamente superiore rispetto a quello pattuito in sede di stipula del contratto.

Le obbligazioni condominiali, quali tipicamente quelle per il pagamento degli oneri ordinari e straordinari relativi alla gestione delle cose comuni, sono legate alla proprietà del bene (appartamento in condominio) e pertanto lo "seguono": chi subentra quindi nella titolarità del suddetto bene subentra anche nel pagamento di tali oneri. (c.d. obbligazioni propter rem).
Acquirente e Venditore sono pertanto solidalmente obbligati al pagamento dei contributi condominiali relativi all'anno in corso e a quello precedente ed eventuali patti di limitazione di responsabilità inseriti nell'atto di compravendita hanno solo un valore inter partes e non nei confronti del condominio che, tramite l'amministratore potrà agire per l'intero verso uno dei due (a cui spetterà azione di regresso verso l'altro coobbligato).

Consiglio quandi sempre di verificare prima della compravendita se vi sono oneri condominiali non pagati e/o azioni in essere per il recupero di eventuali crediti e acquisire una dichiarazione da parte dell'amministratore del condominio in tal senso, per poi azionare le opportune tutele.

Quanto alle spese straordinarie; se esse sono state deliberate prima della stipulazione del contratto di vendita ne risponderà il venditore, a nulla rilevando che le opere siano state in parte o in tutto eseguite successivamente,
L'acquirente avrà pertanto diritto di rivalersi nei confronti del venditore di quanto pagato al condominio per tali spese in forza del principio di solidarietà passiva di cui poc'anzi dicevamo.



  • Comments(0)//blog.studiolegalecardini.it/#post12